top of page

Gemellaggi e Reti di Città



La Commissione europea finanzia la cooperazione tra città attraverso due nuove CALL


In questo approfondimento analizziamo i bandi “Town Twinning” e “Network of Town” pubblicati dalla Commissione europea a favore dei Comuni con l'obiettivo di finanziare i gemellaggi e le reti di città oppure per finanziare la promozione del territorio attraverso la cooperazione tra città.


La Commissione europea attraverso il programma "Citizens, Equality, Rights & Values" (CERV) ha pubblicato due nuove CALL a favore dei Comuni che mirano a finanziare i gemellaggi fra due città e le reti di città.


Town Twinning e Network of Town che conoscevamo tramite Europa per i cittadini (Europe for Citizens) nella programmazione 2021 -2027 rientrano nel nuovo fondo CERV. Entrambe le Call hanno scadenza il 26 agosto 2021 e supportano una serie di iniziative volte allo sviluppo del territorio tramite la cooperazione di città.



DI SEGUITO LE SCHEDE DI RIFERIMENTO






SINTESI

Questa misura mira a sostenere progetti che riuniscono un'ampia gamma di città partner in un evento di gemellaggio tra città su temi in linea con gli obiettivi del programma e tenendo conto delle priorità politiche.

Mobilitando i cittadini a livello locale e dell'Unione al dibattito su questioni concrete dell'agenda politica europea, questa misura cercherà di promuovere la partecipazione civica al processo decisionale dell'Unione e sviluppare opportunità di impegno sociale e volontariato a livello di Unione.

Il gemellaggio deve essere inteso in largo senso, riferendosi quindi ai comuni che hanno sottoscritto o si impegnano a sottoscrivere accordi di gemellaggio, nonché ai comuni che hanno altre forme di partenariato che ne favoriscono la cooperazione ei legami culturali.


OBIETTIVI

  • Promuovere gli scambi tra cittadini di diversi paesi

  • Dare ai cittadini l'opportunità di scoprire la diversità culturale dell'Unione europea e renderli consapevoli che i valori europei e il patrimonio culturale costituiscono il fondamento di un futuro comune

  • Garantire relazioni pacifiche tra gli europei e assicurare la loro attiva partecipazione attiva a livello locale

  • Rafforzare la comprensione reciproca e l'amicizia tra i cittadini europei

  • Incoraggiare la cooperazione tra i comuni e lo scambio di buone pratiche

  • Sostenere il buon governo locale e rafforzare il ruolo delle autorità locali e regionali locali e regionali nel processo di integrazione europea.

OBIETTIVI SPECIFICI

  • ·Sensibilizzare sulla ricchezza dell'ambiente culturale e linguistico in Europa

  • Sensibilizzare sull'importanza di rafforzare il processo di integrazione europea basato sulla solidarietà

  • Favorire il senso di appartenenza all'Europa promuovendo il dibattito sul futuro dell'Europa

  • Riflettere sull'impatto della pandemia COVID-19 sulle comunità locali

BENEFICIARI

Comuni


CONSORZIO

Comuni di almeno due Paesi eleggibili di cui almeno uno è uno Stato membro dell'UE


ULTERIORI CRITERI DI ELEGGIBILITÀ

Gli eventi di gemellaggio devono coinvolgere un minimo di 50 partecipanti diretti, di cui un minimo di 25 partecipanti sono “partecipanti invitati”. I “partecipanti invitati” sono

delegazioni itineranti provenienti da paesi partner del progetto ammissibili diversi dal paese che ospita un evento di gemellaggio.


ATTIVITÀ AMMISSIBILI

Workshop, seminari, conferenze, attività di formazione, riunioni di esperti,

webinar, attività di sensibilizzazione, raccolta di dati e consultazione, sviluppo, scambi e diffusione di buone pratiche tra autorità pubbliche e con organizzazioni della società civile, sviluppo di strumenti di comunicazione e l'uso dei media sociali.


IMPATTO ATTESO


  • Aumentare e incoraggiare la comprensione reciproca e l'amicizia tra una una gamma diversificata di cittadini a livello locale

  • Coinvolgere una gamma diversificata di cittadini dall'esperienza delle comunità locali e riconoscere il valore aggiunto che l'UE fornisce attraverso l'approccio di base

  • Promuovere un maggiore senso di appartenenza all'UE.


BUDGET

Totale € 2.745.135


DURATA

Max 12 mesi


SCADENZA

26 agosto 2021





SINTESI

I comuni e le associazioni che lavorano insieme su un tema comune in una prospettiva a lungo termine potrebbero voler sviluppare reti di città per rendere la loro cooperazione più sostenibile. La creazione di reti tra comuni su temi di interesse comune sembra essere un mezzo importante per consentire lo scambio di buone pratiche.

Il gemellaggio è un legame forte che lega i comuni; pertanto, il potenziale delle reti create da una serie di legami di gemellaggio dovrebbe essere utilizzato per sviluppare una cooperazione tematica e duratura tra le città.

La Commissione europea sostiene lo sviluppo di tali reti, che sono importanti per garantire una cooperazione strutturata, intensa e multiforme, contribuendo così a massimizzare l'impatto del programma.


OBIETTIVI

  • Promuovere gli scambi tra cittadini di diversi paesi

  • Dare ai cittadini l'opportunità di scoprire la diversità culturale dell'Unione europea e renderli consapevoli che i valori europei e il patrimonio culturale costituiscono il fondamento di un futuro comune

  • Garantire relazioni pacifiche tra gli europei e assicurare la loro attiva partecipazione attiva a livello locale

  • Rafforzare la comprensione reciproca e l'amicizia tra i cittadini europei

  • Incoraggiare la cooperazione tra i comuni e lo scambio di buone pratiche

  • Sostenere il buon governo locale e rafforzare il ruolo delle autorità locali e regionali locali e regionali nel processo di integrazione europea.

OBIETTIVI SPECIFICI

  • Diritti di cittadinanza dell'UE

  • Combattere la discriminazione e il razzismo

  • Inclusione delle minoranze

  • Carta dei diritti fondamentali dell'UE

  • Riflettere sull'impatto della pandemia di COVID-19 sulle comunità locali comunità locali

BENEFICIARI

Enti pubblici o organizzazioni non-profit: città/comuni e/o altri livelli di autorità locali o loro comitati di gemellaggio o altre organizzazioni non-profit che rappresentano le autorità locali.


CONSORZIO

Comuni di almeno cinque Paesi ammissibili di cui almeno tre sono Stati membri dell’UE.


AZIONI AMMISSIBILI

Workshop, seminari, conferenze, attività di formazione, riunioni di esperti,

webinar, attività di sensibilizzazione, raccolta di dati e consultazione, sviluppo, scambi e diffusione di buone pratiche tra autorità pubbliche e con organizzazioni della società civile, sviluppo di strumenti di comunicazione e l'uso dei media sociali.


IMPATTO ATTESO

  • Offrire alle città e ai comuni l'opportunità di sviluppare progetti su larga scala con l'obiettivo di aumentare l'impatto e la sostenibilità dei loro progetti

  • Permettere ai beneficiari di sviluppare progetti più tematici e legati alle politiche;

  • Creare legami duraturi con le organizzazioni partner;

  • Aumentare la consapevolezza dei benefici della diversità e affrontare la discriminazione e il razzismo razzismo;

  • Aumentare e incoraggiare la comprensione e l'accettazione reciproca verso minoranze europee, come i Rom;

  • Aumentare la consapevolezza sulla Carta dei diritti fondamentali dell'UE e la sua applicazione e promuovere una cultura dei diritti fondamentali

  • Migliorare l'informazione sui diritti conferiti dalla cittadinanza dell'UE e migliorare la loro attuazione negli Stati membri

  • Sensibilizzare e informare meglio i cittadini dell'UE in mobilità e i loro i loro familiari sui loro diritti di cittadinanza dell'UE.

ULTERIORI CRITERI DI ELEGGIBILITÀ

Le attività devono svolgersi in almeno due diversi Paesi ammissibili.


BUDGET

Totale € 4.200.000


DURATA

Tra i 12 e i 24 mesi


SCADENZA

26 agosto 2021


FACCIAMO ALCUNI ESEMPI DI PROGETTI FINANZIATI






Ricordiamo inoltre che Il nuovo programma CERV sta per "Cittadini, uguaglianza, diritti e valori" ed è il più grande fondo dell'UE per la promozione e la protezione dei diritti fondamentali all'interno dell'UE. Nel corso delle trattative, questo programma ha ricevuto un'importante integrazione ed è stato più che raddoppiato (dagli originari 640 milioni di euro a oltre 1,55 miliardi di euro per i prossimi 7 anni).


Il suo obiettivo principale è proteggere e promuovere i diritti ei valori sanciti dai trattati, dalla Carta e dalle convenzioni internazionali sui diritti umani applicabili. Ciò sarà ottenuto sostenendo le organizzazioni della società civile e altre parti interessate attive a livello locale, regionale, nazionale e transnazionale. Il programma sostituirà il precedente programma Diritti, uguaglianza e cittadinanza e il programma Europa per i cittadini.

I FOCUS

Ricordiamo inoltre che Il nuovo programma CERV sta per "Cittadini, uguaglianza, diritti e valori" ed è il più grande fondo dell'UE per la promozione e la protezione dei diritti fondamentali all'interno dell'UE. Nel corso delle trattative, questo programma ha ricevuto un'importante integrazione ed è stato più che raddoppiato (dagli originari 640 milioni di euro a oltre 1,55 miliardi di euro per i prossimi 7 anni).


Il suo obiettivo principale è proteggere e promuovere i diritti ei valori sanciti dai trattati, dalla Carta e dalle convenzioni internazionali sui diritti umani applicabili. Ciò sarà ottenuto sostenendo le organizzazioni della società civile e altre parti interessate attive a livello locale, regionale, nazionale e transnazionale. Il programma sostituirà il precedente programma Diritti, uguaglianza e cittadinanza e il programma Europa per i cittadini.

I FOCUS

  1. Uguaglianza, diritti e uguaglianza di genere - promuovere i diritti, la non discriminazione, l'uguaglianza, compresa l'uguaglianza di genere, e promuovere l'integrazione di genere e non discriminazione;

  2. Impegno e partecipazione dei cittadini promuovere l'impegno e la partecipazione dei cittadini alla vita democratica dell'Unione e agli scambi tra i cittadini di diversi Stati membri e aumentare la consapevolezza della storia comune europea

  3. Daphne - combattere la violenza, compresa la violenza di genere

  4. Valori dell'Unione : proteggere e promuovere i valori dell'Unione. La sezione Valori dell'Unione è una delle grandi innovazioni del programma. Essa pone al centro i valori comuni a tutti gli Stati membri e sui quali si fonda l'Unione europea: il rispetto della dignità umana, la libertà, la democrazia, l'uguaglianza, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. In un momento in cui le società europee si trovano ad affrontare l'estremismo, il radicalismo e le divisioni e uno spazio sempre più ridotto per la società civile indipendente, questo filone porrà le organizzazioni della società civile al centro delle sue priorità finanziando progetti che promuovono e sensibilizzano ai valori dell'UE e ai diritti e fornendo sostegno finanziario alle organizzazioni della società civile locali, regionali e transnazionali.

Hai dubbi sui bandi o desideri ricevere maggiori informazioni? Scrivici a: progetti@alessandropanza.eu

Opmerkingen


bottom of page