Banca delle terre agricole: 16mila ettari per i giovani agricoltori



Banca delle terre agricole: 16mila ettari per i giovani agricoltori


Amici in questo approfondimento analizziamo il progetto ISMEA “Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare” in favore dei giovani agricoltori.


L’ISMEA comunica che fino al 7 settembre sarà possibile inviare le manifestazioni di interesse per l'acquisto di uno o più terreni del quarto lotto della Banca nazionale delle Terre Agricole.


L'ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) è un ente pubblico economico. Nell'ambito delle sue funzioni istituzionali l'ISMEA realizza servizi informativi, assicurativi e finanziari e costituisce forme di garanzia creditizia e finanziaria per le imprese agricole e le loro forme associate, al fine di favorire l'informazione e la trasparenza dei mercati, agevolare il rapporto con il sistema bancario e assicurativo, favorire la competitività aziendale e ridurre i rischi inerenti alle attività produttive e di mercato.

L'ISMEA affianca le Regioni nelle attività di riordino fondiario, attraverso la formazione e l'ampliamento della proprietà agricola, e favorisce il ricambio generazionale in agricoltura in base ad uno specifico regime di aiuto approvato dalla Commissione europea.

IL BANDO

In Gazzetta ufficiale il decreto Mipaaf del 20 aprile 2021 sulla misura ISMEA "Più Impresa" In base alla nuova normativa, anche i giovani imprenditori agricoli del Centro Nord potranno infatti accedere al mix di finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto finora previsto dal bando ISMEA, sul modello della misura Resto al Sud, solo per il Mezzogiorno.


La legge n. 120-2020, conversione del dl Semplificazioni, ha infatti modificato il decreto legislativo n. 185-2000 in materia di sostegno all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, che prevede la concessione di agevolazioni al fine di favorire il ricambio generazionale in agricoltura.


La nuova misura a favore dei giovani estesa su scala nazionale rientra in quella serie di iniziative dedicate al sostegno dell’innovazione.


Più impresa è uno strumento in linea con gli obiettivi strategici del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che mira ad offrire al settore agroalimentare ulteriori possibilità di ammodernamento e di sviluppo sostenibile.


Al regime di aiuto basato su un mutuo agevolato, a tasso zero, per un importo non superiore al 75% delle spese ammissibili si è aggiunta, solo per le regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, la possibilità di ottenere un mutuo agevolato, a un tasso pari a zero, di importo non superiore al 60% della spesa ammissibile accompagnato da un contributo a fondo perduto fino al 35% della spesa ammissibile.


E' questa l'opzione che la legge di conversione del decreto Semplificazioni ha allargato ai giovani agricoltori del Centro-Nord e che il decreto Mipaaf del 20 aprile 2020 ha recepito: nel nuovo testo, infatti, i beneficiari delle agevolazioni sono le microimprese e piccole e medie imprese con sede operativa sul territorio nazionale, che subentrino nella conduzione di un’intera azienda agricola o che presentino progetti per lo sviluppo o il consolidamento di iniziative nei settori della produzione e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.


In tutta Italia, quindi, sono previsti mutui agevolati a tasso zero a copertura del 60% delle spese di investimento e di durata massima pari a dieci anni comprensiva del periodo di preammortamento e un contributo a fondo perduto aggiuntivo, fino al 35% della spesa ammissibile. Per le iniziative nel settore della produzione agricola il mutuo agevolato ha una durata, comprensiva del periodo di preammortamento, non superiore a quindici anni.



Cosa finanzia il bando ISMEA


Resta confermato l'impianto generale del regime di aiuto: le agevolazioni sono concesse sia per operazioni di subentro, cioè di cessione di un’intera azienda agricola a favore di un’impresa a totale o prevalente partecipazione giovanile, che per l'ampliamento e l'ammodernamento di aziende agricole esistenti già condotte da giovani. In entrambi i casi sono ammessi investimenti fino a un importo complessivo non superiore a 1,5 milioni di euro.


SPESE AMMISSIBILI

  • studio di fattibilità, comprensivo dell’analisi di mercato;

  • opere agronomiche e di miglioramento fondiario;

  • opere edilizie per la costruzione o il miglioramento di beni immobili;

  • oneri per il rilascio della concessione edilizia;

  • allacciamenti, impianti, macchinari e attrezzature;

  • servizi di progettazione;

  • beni pluriennali.


BENEFICIARI

PMI organizzate sotto forma di ditta individuale o di società, amministrate e condotte da un giovane di età compresa tra i 18 ed i 41 anni non compiuti alla data di presentazione della domanda, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto come risultante dall’iscrizione nella gestione previdenziale agricola alla data di delibera di ammissione alle agevolazioni, oppure, nel caso di società, devono essere composte, per oltre la metà numerica dei soci e delle quote di partecipazione, ed amministrate, da giovani imprenditori agricoli di età compresa tra i 18 e i 41 anni non compiuti, sempre in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto.


PROCEDURA DI FINANZIAMENTO

ISMEA accerta la sussistenza dei requisiti oggettivi e soggettivi previsti dal decreto Mipaaf e la sostenibilità finanziaria ed economica dell’iniziativa e delibera, nei limiti delle risorse disponibili, l’ammissione alle agevolazioni o il rigetto dell'istanza, dandone comunicazione agli interessati.


Entro sei mesi dalla comunicazione della delibera di ammissione alle agevolazioni, i beneficiari sono tenuti a produrre la documentazione necessaria alla stipula dei contratti di concessione delle agevolazioni.


GARANZIE

Il mutuo agevolato deve essere assistito da garanzie pari all’intero importo concesso, acquisibili nell’ambito degli investimenti da realizzare, tramite iscrizione di ipoteca di primo grado acquisibile sui beni oggetto di finanziamento oppure su altri beni del soggetto beneficiario o di terzi. In alternativa o in aggiunta all’ipoteca, si può ricorrere a una fideiussione bancaria o assicurativa a prima richiesta, sino al raggiungimento di un valore delle garanzie prestate pari al 10% del mutuo agevolato concesso.

I beneficiari, inoltre, sono tenuti a stipulare idonee polizze assicurative a favore di ISMEA sui beni oggetto di finanziamento, secondo le modalità ed i termini che sono stabiliti nel contratto di mutuo agevolato.

L'erogazione delle quote di agevolazioni avviene sulla base della rendicontazione delle spese effettuate per stato avanzamento lavori, per un massimo di 5 SAL, di cui il primo rendicontato entro sei mesi dalla data di stipula dei contratti.

I beni oggetto delle agevolazioni, l'attività di impresa e la sede operativa devono essere mantenuti per un periodo minimo di cinque anni decorrenti dalla data di inizio effettivo dell’attività.


SCHEDA DI SINTESI


ISMEA. Bando Più Impresa - Imprenditoria giovanile in agricoltura. Finanziamento a fondo perduto e a tasso agevolato a favore dell'autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale


SINTESI

Il bando è dedicato all'imprenditoria giovanile ed è finalizzato a favorire il ricambio generazionale in agricoltura ed ampliare aziende agricole esistenti condotte da giovani.


SETTORE


Agroindustria/Agroalimentare, Agricoltura


BENEFICIARI


Micro Impresa, PMI



ULTERIORI CRITERI DI ELEGGIBILITÀ


  • Micro, piccole e medie imprese agricole organizzate sotto forma di ditta individuale o di società composte da giovani di età compresa tra i 18 e i 41 anni non compiuti con i seguenti requisiti:

  1. subentro: imprese agricole costituite da non più di 6 mesi con sede operativa sul territorio nazionale, con azienda cedente attiva da almeno due anni, economicamente e finanziariamente sana; la maggioranza numerica dei soci e delle quote di partecipazione in capo ai giovani, ove non presente al momento della presentazione della domanda, deve sussistere alla data di ammissione alle agevolazioni;

  2. ampliamento: imprese agricole attive da almeno due anni, con sede operativa sul territorio nazionale economicamente e finanziariamente sane.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese che presentino progetti per lo sviluppo o il consolidamento di iniziative nei settori della produzione e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

SPESE FINANZIATE

Consulenze/Servizi, Opere edili e impianti, Attrezzature e macchinari

  • studio di fattibilità, comprensivo dell’analisi di mercato;

  • opere agronomiche e di miglioramento fondiario;

  • opere edilizie per la costruzione o il miglioramento di beni immobili;

  • oneri per il rilascio della concessione edilizia;

  • allacciamenti, impianti, macchinari e attrezzature;

  • servizi di progettazione;

  • beni pluriennali;

  • acquisto terreni.

AZIONI AMMISSIBILI

  • miglioramento del rendimento e della sostenibilità globale dell’azienda agricola, in particolare mediante una riduzione dei costi di produzione o miglioramento e riconversione della produzione;

  • miglioramento dell’ambiente naturale, delle condizioni di igiene o del benessere degli animali, purché non si tratti di investimento realizzato per conformarsi alle norme dell’Unione Europea;

  • realizzazione e miglioramento delle infrastrutture connesse allo sviluppo, all’adeguamento ed alla modernizzazione dell’agricoltura.

AGEVOLAZIONE


Contributo a fondo perduto, Finanziamento a tasso agevolato, Garanzia


BUDGET


Mutuo agevolato, a tasso zero, per un importo non superiore al 60 per cento delle spese ammissibili

  • Per le attività di agriturismo e le altre attività di diversificazione del reddito agricolo saranno concesse agevolazioni in regime de minimis nel limite massimo di euro 200.000.

  • Gli investimenti possono raggiungere il massimo di euro 1.500.000 Iva esclusa.

  • La beneficiaria deve apportare proprie risorse finanziarie, pari almeno al 25 per cento delle spese di investimento ammissibili, ovvero al 5 per cento per gli investimenti per i quali è concesso anche un contributo a fondo perduto, e comunque fino a concorrenza degli importi necessari alla copertura del fabbisogno finanziario generato dal piano di investimenti, aumentato dell’IVA connessa agli acquisti oggetto dell’investimento.

  • L'impresa beneficiaria deve fornire garanzie di valore pari al 100 per cento del mutuo agevolato concesso, anche acquisibili nell'ambito degli investimenti da realizzare, per una durata almeno pari a quella del mutuo agevolato concesso dall'ISMEA. Sono ammissibili:

  1. garanzie ipotecarie di primo grado su beni oggetto di agevolazioni, oppure su altri beni della beneficiaria o di terzi;

  2. in alternativa o in aggiunta all'ipoteca, fideiussione bancaria o assicurativa a prima richiesta.

DURATA


Durata minima di 5 (cinque) anni e massima di 15 (quindici) anni.


SCADENZA


Fino ad esaurimento fondi


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti